Rapporto di Amnesty International

Abbiamo già parlato di pena di morte ma questo è un appuntamento importante. E’ stato pubblicato infatti ieri il rapporto di Amnesty International sulle sentenze capitali e le esecuzioni.  

Nel 2007 il dato complessivo è di 1252 giustiziati in 24 nazioni (27.500 persone sono al momento in attesa dell’esecuzione capitale). Secondo i dati ufficiali:

  • Pechino ha mandato di fronte al boia 470 persone
  • L’Iran 317 
  • l’ Arabia saudita 143
  • il Pakistan 135
  • gli Stati Uniti 42

Questi sono i dati ufficiali. In realtà secondo stime attendibili il triste primato della Cina sarebbe molto più pesante: la Cina ucciderebbe una media di 22 detenuti al giorno. Di qui ai giochi olimpici i condannati potrebbero essere dunque oltre 2000.

Occorre poi sottolineare che molti paesi continuano a eseguire condanne a morte per reati comunemente non considerati tali. Ecco alcuni esempi:

  • a luglio in Iran, Ja’far Kiani, padre di due figli, è stato lapidato per adulterio;
  • a ottobre in Corea del Nord, il manager 75enne di un’azienda è stato fucilato per non aver dichiarato le proprie origini familiari, aver investito i suoi risparmi nell’azienda, averne messo a capo i figli e aver fatto telefonate all’estero;
  • a novembre in Arabia Saudita, il cittadino egiziano Mustafa Ibrahim è stato decapitato per aver praticato la stregoneria;
  • in violazione del diritto internazionale, tre paesi (Arabia Saudita, Iran e Yemen) hanno eseguito condanne a morte nei confronti di imputati che avevano meno di 18 anni al momento del reato.

“Quando lo Stato prende la vita di una persona, siamo di fronte a una delle azioni più drastiche che possa compiere.” – ha concluso Amnesty International. E più inutili, aggiungo io.

 

 

5 Responses to Rapporto di Amnesty International

  1. smarty2bi ha detto:

    rimango sempre terrificata dai dati che vengono riportate sulle violenze fatte dagli uomini ai loro simili…come è possibile mi chiedo?
    meno di 18 anni condannati a morte?!? lapidati per adulterio!? Fucilato per non aver dichiarato da dove proveniva?!? ma siamo matti?!? dove viviamo in un mondo di malati?
    io voglio solo dire che questi dati fanno paura e devono far riflettere su come va il mondo…come siamo caduti in basso! intanto la provenienza di una persona non dovrebbe influenzare la giustizia e tanto meno dovrebbe condannarlo a morte…come si può uccidere una persona che non ha commesso crimini gravi sapendo che ha una famiglia che doveva mantenere e che probabilmente sarà distrutta per colpa della perdita!
    io a volte mi chiedo davvero dove viviamo oggi.

    “Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano.” Martin Luther King
    a me piace molto questa frase perchè è un’incoraggiamento a dire le cose come stanno. ed io spero che quanlcuno si muova per questa causa…quancuno che elimini queste ingiustizie.

  2. carlimoretti ha detto:

    Ben tornata Martina 😀

  3. smarty2bi ha detto:

    Grazie! 😉 è che sono stata in gita! mi sono divertita molto… comunque ora ci risono.

  4. anco93 ha detto:

    Concordo in tutto… bel commento Martina!

  5. smarty2bi ha detto:

    Grazie mille 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: