diritti umani: un simbolo

18 gennaio 2012

Sahar Gul è una ragazzina afghana di 15 anni che è stata picchiata e torturata dal marito perché non voleva prostituirsi. Le hanno dato scosse elettriche, strappato i capelli e le unghie, rotto le dita. L’hanno rinchiusa in uno scantinato.

E’ diventata il simbolo dei diritti umani.