Pubblicato in: attualità

Si vota in Francia

Iniziano oggi le elezioni presidenziali in Francia. I nostri vicini di casa dovranno scegliere oggi tra dieci candidati, mentre domenica 6 maggio si andrà al ballottaggio: si tornerà a votare tra i due candidati che avranno ottenuto più voti.

Se volete sapere chi sono qui trovate una sintesi dei diversi candidati.

I favoriti? Sarkosy e Hollande, ma potrebbero esserci delle sorprese. Staremo a vedere.

Pubblicato in: attualità

Ti voglio donare

Mi sono persa questo bell’incontro che la collega di chimica segnala nel suo blog: una riunione in aula magna per parlare con i ragazzi di donazione di organi. Protagonisti direttamente i ragazzi e la famiglia di un nostro ex studente, morto tragicamente l’estate scorsa. Una giornata importante di sensibilizzazione anche per gli adulti su un tema che fa paura, ma che ci fa veramente dare un senso alla parola solidarietà.

Pubblicato in: scuola

pronti via!

Dopo qualche giorno di pausa forzata torno a scuola con più energia di prima 😉

A scanso di equivoci vorrei chiarire bene a tutti che, da lunedì, INTERROGO. Tra blog, twitter, facebook la notizia è diffusa. Adesso non avete scuse: STUDIATE!

 

Pubblicato in: scuola

Gravemente insufficiente

La scuola in questi giorni è spesso sulle pagine dei quotidiani. Dalle lauree comprate all’abolizione del valore legale dei titoli di studi, dal problema dei compiti a casa alla presenza di classi zoo senza alcuna disciplina . A volte mi sembrano discussioni accademiche, fatte da chi la scuola non la conosce e non la vive quotidianamente. Del resto parlare di scuola è facile, interessa tutti perché tutti, chi prima chi dopo, ne hanno avuto a che fare e questo basta a legittimare la possibilità di dire qualunque cosa.

L’ultima polemica riguarda i voti: il preside del liceo classico Berchet di Milano ha proposto l’esclusione dei voti inferiori al 4 in pagella perché “i due e i tre creano troppa frustrazione nei ragazzi. La dichiarazione ha aperto un’accesa discussione e non manca chi invece sottolinea che i 2 o i 3 sono solo un segnale della scarsissima preparazione e un richiamo al dovuto impegno.

Il votaccio fa solo male o fa crescere? Dibattito è aperto, dite la vostra.