Elezione Presidente della Camera

24 marzo 2018

Ecco invece come si eleggerà il nuovo Presidente della Camera:

A Montecitorio l’elezione del presidente della Camera dei deputati si svolge a scrutinio segreto. Lo spoglio delle schede è pubblico.

Nella prima votazione, affinché un candidato sia eletto, deve ottenere la maggioranza dei 2/3 dei componenti l’Assemblea, incluse le schede bianche. Deve ottenere almeno 420 voti.

Per il secondo e terzo scrutinio, invece, è sufficiente che il candidato ottenga la preferenza di 2/3 dei votanti, contando anche le schede bianche.

Se i deputati non riusciranno ad eleggere il presidente in tale giornata, si procederà  a eventuali scrutini successivi, in cui è previsto la maggioranza assoluta dei componenti (includendo sempre le schede bianche).


Elezioni del Presidente del Senato

24 marzo 2018

Il primo compito dei nuovi parlamentari eletti è l’elezione dei Presidenti di Camera e Senato. Ieri i lavori sono iniziati.

Ripassiamo le modalità per eleggere il Presidente del Senato.

A Palazzo Madama la votazione avviene a scrutinio segreto e lo spoglio è pubblico.

Per essere eletto al primo scrutinio e al secondo scrutinio, il candidato deve raggiungere la maggioranza assoluta dei componenti del Senato (161 voti).

Al terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta dei presenti.

Qualora nessun candidato dovesse ottenere un numero sufficiente di voti, nello stesso giorno si procede al ballottaggio tra i due che hanno conseguito il maggior numero di preferenze.

Se i due candidati dovessero ottenere un numero uguale di voti, sarà eletto il più anziano dei due.


classe Quarta tur: le altre società di capitali

14 marzo 2018

Chiudiamo le società di capitali studiando le caratteristiche della s.r.l.  e della  s.a.p.a


classe TERZA TUR: il contratto (parte terza)

14 marzo 2018

Terminiamo il contratto  studiando la rescissione e la RISOLUZIONE

Vi ricordo che la verifica finale, dopo le due intermedie, riguarderà tutto il contratto. Buon lavoro 🙂